I Cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

FREE ZONE

Non solo off shore negli Emirati Arabi, ma anche Free Zone, ovvero le zone di libero mercato istituite per incoraggiare il commercio e gli investimenti esteri. Scegliere la migliore località di libero mercato, dunque, è fondamentale, anche se può impiegare diverso tempo. Ma se si vuole realmente ottenere i migliori vantaggi, è necessario dedicarcisi appieno. Sia se l’obiettivo è ottenere una specifica licenza di commercio, sia una consulenza, o un permesso di soggiorno. O, semplicemente, aprire un’attività propria negli Emirati. La soluzione più pratica, è proprio quella Free Zone.

Qualche caratteristica? Strutture all’avanguardia, 100% mercato libero da tasse, zero imposte sui redditi d’impresa, enorme varietà di licenze per attività, tariffe competitive e tantissimi altri vantaggi.

Quella della Free Zone è un’iniziativa strategica. Una di queste è DWC (Dubai World Center), creata dal governo di Dubai; una zona posizionata appena fuori Sheikh Zaed Road, accanto all’aeroporto di Al Maktoum. I vantaggi principali della DWC sono rappresentati dal fatto che non occorre versare alcun capitale iniziale e non è necessario mostrare prove o testimonianza di una qualifica di istruzione durante la registrazione. Non ci sono imposte sui redditi d’impresa, come già detto. Questo perché gli Emirati Arabi Uniti, possiedono una lista sempre più lunga di accordi per la doppia imposizione del reddito.

Per aprire una società a Dubai, in una Free Zone, è richiesto un minimo di un’azionista e un minimo di un direttore (ne possono essere eletti massimo 7) e abitare in qualsiasi parte del mondo. Non appena la società viene registrata e la licenza emessa, l’azionista principale può richiedere un permesso di soggiorno negli UAE, valido per 3 anni. Colui che ottiene il visto dovrà poi recarsi in visita negli Emirati Arabi Uniti almeno una volta ogni sei mesi.